Cookie Policy
top of page

Liberi di essere


Nel blog dello scorso mese ho raccontato di come se evolvi, la vita troverà sempre il modo di inviarti persone in linea con te e con i tuoi valori più profondi; avevo aggiunto che nel 2023 sono entrate nella mia vita anime significative sia a livello personale che professionale. Tra queste, oltre a Bartolomeo Smaldone, Agnese Scappini. Come dicono i suoi profili social, la Dottoressa Scappini è psicologa e psicoterapeuta. Io non amo molto le etichette, soprattutto quelle legate all’ambito lavorativo; le amo ancor meno quando si tratta di Agnese, perché lei è molto di più di una limitante definizione. Seguila, e capirai cosa intendo dire.


Quando Agnese mi ha parlato del progetto di un monologo, proponendomi di comporne la colonna sonora, sono stata così entusiasta da iniziare a scrivere ancor prima di avere il testo. Mi accade spesso di intravedere il senso di qualcosa senza conoscerne i dettagli: credo che lasciarsi guidare dalla suggestione sia uno degli aspetti più misteriosi e affascinanti, quando si sceglie di seguire l’intuizione. Per questo, come sempre faccio, ho messo da parte l’attesa, preferendo l’azione. Probabilmente, un atteggiamento come questo è uno dei segreti per far accadere le cose e creare la propria realtà. In fondo, se non siamo noi a mettere in atto le azioni, esse non potrebbero mai avere l’energia necessaria alla loro realizzazione.


Nel corso dei giorni successivi, io e Agnese ci siamo scambiate arte e spiritualità: lei mi ha inviato le sue tele - tra le tante cose, Agnese scrive e dipinge - e io le foto degli spartiti che iniziavano a prendere forma. Uno scambio meraviglioso e vitale, fatto di energia e strettamente connesso al senso più profondo e intrinseco della vita. Questo ci ha aiutate a entrare in connessione e a creare un legame che ci portasse a lavorare insieme al monologo, che pian piano ha preso vita fino ad approdare alla produzione a opera di MetroNews.it


Il monologo riguarda la violenza di genere. Pur essendo un tema tristemente scottante e attuale, Agnese lo tratta con quella leggerezza che la contraddistingue, insegnando quanto leggerezza e profondità possano viaggiare di pari passo. Sulla scia di quel che sentivo, ho creato delle musiche che potessero accompagnare le parole di Agnese senza risultare invadenti, lasciando la mente e la coscienza libere di fluire durante l’ascolto.


Sono quattro - Prologo, Madri, Dialoghi di solitudine e Liberi di Essere - le composizioni per pianoforte solo nate da questa profonda sinergia, e ciascuna di loro ritrae quattro momenti musicali ed emotivi differenti. Quando è nata l’esigenza di dare un titolo all’EP, la scelta è inevitabilmente caduta su Liberi di essere, perché questo titolo ben racconta la sensazione del momento, fungendo al contempo come monito alla vita.


Ti aspetto sui negozi digitali e sul mio Canale YouTube a partire da venerdì 5 aprile.

コメント


bottom of page